Chi siamo - MESTICHERIA BOLOGNESE

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi siamo

Informazioni

tel 051 263556
Via San Felice 21/gh- Bologna

N
ei primi anni 50',  la Mesticheria Bolognese viene fondata dal S.Conti, fondatore, più tardi, della ditta Apa Ferrario S.P.A., produttrice dei colori omonimi.

A metà degli anni 90', viene rilevata dall' attuale gestione,la Famiglia Chiusoli che amplia il settore belle arti ed hobby ed arti decorative.

Attualmente è uno dei punti di riferimento, nel cuore del centro storico di Bologna, di artisti e pittori, ma anche di tantissimi studenti e hobbisti che amano il sapore della vecchia bottega,e che entrando rimangono affascinati dagli odori e dalla quantità di tubi, di vasetti e scatole di colori,di vasi di pennelli, barattoli, barattolini e vasi pieni di polveri e di resine anche rare, e che sanno di poter trovare sempre il consiglio giusto, la scelta e  la qualità e soprattutto la competenza data dall' esperienza pluriennale di Valeria, Claudio e Vladimiro.


Valeria

che  ha da sempre avuto una particolare passione per " i colori" e per il lavoro del papà (che nel 65' ha fondato in società le Ditte Nettuno Colori ed in seguito Colorgross, specializzatesi nel settore industria, carrozzeria ed edilizia,ed  è stata fondamentale per la sua formazione l'esperienza  trasmessale dal padre

 Gino Chiusoli,

che ha iniziato la sua esperienza nel settore Belle Arti, da giovanissimo, nel 50', nella Mesticheria Fossi, che all'epoca era forse la più prestigiosa Mesticheria di Bologna e vantava tra i suoi clienti pittori egregi tra cui Morandi, Romiti, Cuniberti, Borgonzoni, Gagliardi, Vacchi, Mascellani, Ligabue,  e ....molti altri!

Socio di Valeria,

Claudio Guerra,

è il "supporto tecnico" della Mesticheria Bolognese! E' specializzato infatti nel montaggio delle Tele su misura e nella vendita ed assistenza tecnica di Aeropenne e compressori.

Da diversi anni si è aggiunto allo Staff,

Vladimiro Osti,

che proviene anche egli da una esperienza pluriennale di Mesticheria nella ex Sebino Colori di Via Farini , di cui è stato socio dai primi anni 90' fino ad alcuni anni fa.


info@mesticheriabolognese.it

   


La Mesticheria Bolognese è situata "sotto i portici di Bologna" in una delle più antiche e caratteristiche vie di Bologna, la Via San Felice, che rimane oggi tra le strade del centro con le vetrine più belle .
L' ubicazione centrale permette di raggiungela in pochi minuti a piedi da PIAZZA MAGGIORE o dalle Due Torri, infatti si trova quasi all' angolo con la centrale Via Ugo Bassi, ed è anche facilmente raggiungibile a piedi ( circa 15min ) o in bus dalla stazione FS.
Nella via ci sono due Garage in cui è possibile parcheggiare anche per chi non ha il permesso di accesso nella ZTL.

CURIOSITA'
A Bologna da sempre i negozi di belle arti, colori e vernici sono chiamati comunemente "mesticherie" , ma molto spesso chi proviene da fuori Bologna ci chiede il motivo ed il significato di questo nome a noi bolognesi così familiare ma per molti evidentemente così strano e particolare! A noi piace molto, ed abbiamo fatto una piccola ricerca dell'etimologia di questo termine che conserva tuttora il fascino del tempo passato, di quando i colori venivano preparati ("mesticati") a mano nelle botteghe.
Ecco il risultato:
il termine "MESTICHERIA" che veniva già usato in toscana  nel 1800, e  significava appunto "bottega di mestiche, colori e oggetti vari per pittori e imbianchini", deriva dal termine "MESTICA" risalente invece al 16°secolo, che significava " composto di colla e olio di lino o vernici usato come preparazione per i dipinti ad olio"; e anche " miscuglio di colori fatto sulla tavolozza", che deriva a sua volta dal verbo "MESTICARE",  "mixticare"( dal latino classico "mixtus"), e che significava "dare la mestica a una tela; mescolare i colori  sulla tavolozza" e anticamente "mescolare" in genere. Dallo stesso verbo deriva anche il termine "mestichino" usato nel 1600 per indicare la spatoletta in acciaio flessibile usata dai pittori per mescolare i colori ad olio e anche per stenderli sulla tela.


Torna ai contenuti | Torna al menu